L'efficienza dei migliori

Cookie Policy     Chiudi

Informativa.
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La detrazione fiscale del 50 %

Gli impianti fotovoltaici sono stati inclusi dall'Agenzia delle Entrate come conformi alla normativa che disciplina le detrazioni fiscali (Art. 16-bis del DPR 917 del 1986) in quanto rientrano nella categoria di “opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici”.

Dal 2014, grazie alla detrazione fiscale del 50 %, non è più necessario usufruire del meccanismo del Conto Energia del Gestore dei servizi Energetici (GSE).

 

Novità Finanziaria 2016

Anche nella finanziaria 2016 è prevista la conferma di questa forma di agevolazione al 50 % e non al 36 % come inizialmente previsto.

Quindi, cosa aspetti, contattaci per avere maggiori chiarimenti e la personalizzazione dell'offerta.

  • Riduzione dei costi

    Installare oggi un impianto fotovoltaico è davvero conveniente, e la convenienza parte proprio dalla riduzione che hanno subito in questi anni i costi di installazione degli impianti.

    Per saperne di più

  • Autoconsumo

    L'autoconsumo rimane la prima e principale fonte di risparmio dell'utente ...

    Per saperne di più

  • Scambio sul Posto

    L’energia elettrica prodotta dall’impianto che non viene consumata in sito (energia immessa in rete) può essere commercializzata dal produttore/soggetto responsabile dell’impianto attraverso lo scambio sul posto ...

    Per saperne di più

  • Detrazione fiscale

    Gli impianti fotovoltaici sono stati inclusi dall'Agenzia delle Entrate come conformi alla normativa che disciplina le detrazioni fiscali

    Per saperne di più ...

  • Aumento vita utile

    Grazie agli enormi progressi nei sistemi di produzione dei componenti di un impianto fotovoltaico è possibile aumentare la vita utile dell'impianto

Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Come funziona

La detrazione fiscale delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi). Dal 1° gennaio 2012 l’agevolazione è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011 e inserita tra gli oneri detraibili dall’Irpef. Possono usufruire della detrazione sulle spese di ristrutturazione comprese quelle per la realizzazione di un impianto fotovoltaico, tutti i contribuenti assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef).

La detrazione per il 2016 è pari al 50 % delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare. A prescindere dalla somma spesa per i lavori di ristrutturazione, la detrazione può essere detratta annualmente su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro e ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Non è possibile il rimborso di somme eccedenti l'imposta.

 

Tra le principali regole e i vari adempimenti che negli ultimi anni hanno subito modifiche si segnala, infine:

1. l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara

2. l’aumento della percentuale (dal 4 all’8%) della ritenuta d’acconto sui bonifici che banche e Poste hanno l’obbligo di operare

3. l’eliminazione dell’obbligo di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori

4. la facoltà riconosciuta al venditore, nel caso in cui l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori sia ceduta prima che sia trascorso l’intero periodo di godimento della detrazione, di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile

5. l’obbligo per tutti i contribuenti di ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali; dal 2012 non è più prevista per i contribuenti di 75 e 80 anni la possibilità di ripartire la detrazione, rispettivamente, in 5 o 3 quote annuali

6. l’estensione dell’agevolazione agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

 

Se ad esempio devi realizzare un impianto il cui costo è di euro 10.000,00, la detrazione fiscale del 50 % sarà pari ad euro 5.000,00 da compensare in 10 anni per un importo di euro 500,00 all'anno. Di fatto avrai un rimborso annuale di euro 500,00 sull'irpef versata, per dieci anni.

 

Per saperne di più vai sul sito dell'Agenzia delle Entrate oppure contattaci. Un nostro consulente ti fornirà tutti i chiarimenti richiesti.

 

Domande frequenti

Posso usufruire dell'agevolazione fiscale anche se ho attivato con il GSE un contratto di scambio sul posto o si ritiro dedicato ?

Certo. La detrazione fiscale del 50 % è una ulteriore forma di agevolazione che si somma a quelle dell'autoconsumo, del ritiro dedicato o dello scambio sul posto.

TecSolis S.p.a.

P. Iva  09657340015

Via Baraggino (ex CAV To-Mi) 10034 Chivasso (To)

Tel: +39 0119173881  - Fax :+39 0119101416

I nostri partner

 © 2016 Tecsolis SpA

Note Legali

Privacy Policy

Cookie Policy